medicina narrativa

Medicina narrativa

Medicina narrativa. Alle prime “Linee di indirizzo” dell’Iss il premio Market Access Award 2015

Il riconoscimento, per la categoria “Assistenza al paziente”, è stato assegnato per l’utilizzo della medicina narrativa in ambito clinico-assistenziale, per le malattie rare e cronico-degenerative. Le prime raccomandazioni in Europa sul tema della medicina basata sulla narrazione, sono un progetto targato Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità.

04 MAG – Un progetto targato Centro Nazionale Malattie Rare (CNMR) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) è stato insignito del Primo Market Access Award 2015, premio bandito dall’Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” assieme alla società MA Provider, con il patrocinio di CittadinanzAttiva, con l’intento di premiare le migliori partnership tra aziende private ed enti pubblici finalizzate a migliorare l’accesso alle cure dei pazienti con soluzioni innovative.

Il riconoscimento, per la categoria “Assistenza al paziente”, è stato assegnato per le “Linee di indirizzo per l’utilizzo della medicina narrativa in ambito clinico-assistenziale, per le malattie rare e cronico-degenerative”, ovvero le prime raccomandazioni in Europa sul tema della medicina basata sulla narrazione (Narrative Based Medicine), elaborate attraverso la Consensus Conference promossa dall’ISS l’11 e 12 Giugno 2014, nell’ambito del “Laboratorio sperimentale di medicina narrativa”, progetto coordinato dall’ISS in collaborazione con Pfizer Italia, Asl 10 di Firenze, European Society for Health and Medical Sociology.

“Le linee di indirizzo – ha sottolineato Amalia Egle Gentile del CNMR durante la cerimonia di premiazione, svoltasi in occasione del Primo Workshop sul Prezzo del Farmaci a Campi Bisenzio (Firenze) lo scorso 23 Aprile – sono il risultato di un progetto caratterizzato da una ‘duplice anima’, scientifica e comunicativa, oltre che, naturalmente, della collaborazione sia interna con Ufficio Stampa, Epidemiologia clinica e linee guida e Settore documentazione dell’Istituto Superiore di Sanità, sia con tutti gli stakeholders interessati. Collaborare ormai è imprescindibile, in qualsiasi ambito, ancor più per le malattie rare e stiamo lavorando per proseguire il lavoro intrapreso, sempre con regole chiare, condivise e trasparenti, che sono alla base della partnership pubblico-privato”.

I criteri di assegnazione del premio hanno riguardato in particolare il valore scientifico del progetto, il beneficio diretto ai pazienti, l’innovazione e il valore aggiunto nell’interazione tra pubblico e privato, la riproducibilità dell’iniziativa.

La Giuria era composta da Pier Luigi Canonico (Direttore del Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale), Antonio Gaudioso (Segretario Generale di CittadinanzAttiva), Armando Genazzani (Professore di Farmacologia dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale), Claudio Jommi (Professore di Economia Aziendale dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale), Elena Paola Lanati (Managing Director di MA Provider) e Consuelo Pizzo (International Partner Life Sciences, Transearch).

 

Fonte : http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=27760